2 novembre ’19

Sabato di relax, ci voleva. Sono 15 giorni che tiro come un matto tra lavoro e problematiche a casa senza sosta. Ma è così e non posso cambiare le cose, quindi copiando da un amico con casini ben più seri dei miei, ho deciso di prendere tutto col sorriso e come viene e devo dire che aiuta.

Stamattina ho bevuto uno dei migliori cappuccini della mia vita, rigeneranti, divertenti, coinvolgenti e unici, peccato che il tempo sia sempre poco e desidererei averne di più da trascorrere in quel modo, ma piuttosto che non aver nulla va bene anche così. Sopracciglio alto e via…. top! Prima o poi arriveranno momenti migliori in cui ci sarà più tempo. “Non dimenticare che son poche quelle cose vere che rimangono a brillare mentre corri in strade buie..”

Oggi mi sono dedicato la giornata, stamattina uscita e cappuccino, rientrato a casa ho sistemato un po’ di carte che avevo messo da parte, le solite bollette, comunicazioni della banca e varie, poi bagno caldo con dell’ottima musica e poi a vestirmi di nuovo. Ho fatto degli acquisti strepitosi e devo ringraziare la mia amica del negozio che con pazienza mi ha trovato dei bellissimi abbinamenti. Qualche chiacchiera con gli amici di sempre, i programmi per le prossime settimane che saranno davvero intense e piene e ora a casa a prepararmi la cena.

Ho acceso il riscaldamento! Azz non è da me, ma oggi era troppo umido e rientrare in casa con un bel tepore è stato piacevole. Mi sono abituato ormai a rientrare ed essere accolto dai mici che ho scoperto essere molto più fedeli e riconoscenti di molte persone. Gli animali hanno una marcia in più rispetto all’essere umano c’è poco da fare.

Domani? Per domani non ho programmi. A parte alcuni doveri di famiglia, quando i genitori invecchiano noi diventiamo il loro aiuto principale, non ho pianificato nulla quindi penso che mi rilasserò un po’ come oggi. Suonerò un po’ la mia chitarra, sistemerò due o tre cose di lavoro perchè lunedì mattina parto presto con gli impegni e gli appuntamenti e mi dedicherò a me stesso, magari faccio un salto al cinema, vedremo.

Oggi sono molto sereno, la testa è concentrata sulle cose da fare, e sono felice di aver finalmente ritrovato il ritmo giusto. Vivere da soli non è sempre facile, è vero non si dipende da nessuno ma è altrettanto vero che sei tu e solo tu e ogni problema lo porti sulle tue spalle… devo dire che comunque è sempre stata una mia prerogativa: i miei me li portavo da solo e spesso ci aggiungevo quelli degli altri. Ho scoperto cose di me che non sapevo ed è buffo come molte persone non riescano a vivere la loro vita ma abbiano bisogno di vivere quella degli altri.

Beh amici voi dove siete dispersi?

Un abbraccio!

Annunci

22 ottobre ’19

Buongiorno, continuo il tema del tempo che ultimamente mi sta molto a cuore. Rifletto spesso sul tempo andato, sul tempo corrente e su quello che verrà, non è sempre un bel modo per essere sereni, anzi!

Il tempo è il bene più prezioso che abbiamo ed il problema è che ci rendiamo conto di sprecarlo solo quando ormai è andato. Non esiste un “senno del prima” che faccia avere una visione anticipatoria di come finirà il tempo che impiegheremo. Sarebbe bello? No, non credo. Sparirebbe tutta la parte emozionale, tutte le sensazioni e il bello dell’ignoto e di non sapere precisamente come andrà. Certo quando va male capiamo che quel tempo è stato bruciato. Siamo sicuri che sia buttato via? No anche qui credo di no. Sono lezioni che per quanto dure ci aiutano a costruire e ricalibrare il nostro atteggiamento verso il prossimo. Impariamo a non commettere sempre gli stessi errori e capiamo cosa vogliamo e cosa non vogliamo. Non è facile perchè spesso le lezioni sono piuttosto violente sul piano emotivo e lasciano cicatrici interne abbastanza pesanti, ma queste esperienze ci rendono quello che siamo.

Possiamo decidere a chi donare il nostro tempo, anzi DOBBIAMO decidere in modo preciso e mai scontato. Il nostro tempo è una parte di noi che non tornerà più indietro e chi non è in grado di capire ed apprezzare il valore di questo, beh credo non meriti tempo ulteriore.

Seneca ci aveva visto giusto. Il tempo è l’unica cosa che ci appartiene. Siamo noi piloti della nostra macchina del tempo. Siamo noi che decidiamo come e dove investirlo. Siamo noi che gli diamo più o meno valore. Il rischio è che se gettiamo il nostro tempo chi ci vede da fuori si sentirà autorizzato a non apprezzare il valore del tempo che gli dedichiamo. Sembra un gioco di parole ma non lo è.

Dove vogliamo andare? Con chi vogliamo condividere il nostro tempo? E soprattuto come possiamo smettere di perdere tempo?

Domande necessarie per meglio ottimizzare la nostra vita.

Io so con chi vorrei condividere il mio tempo, so bene anche dove vorrei andare e cosa vorrei realizzare…. Puntando a questo so anche come smettere di perdere tempo.

Buon tempo a voi amici! che ne pensate?