30 ottobre ’19

Giornata di corsa, questo è il primo momento in cui mi sono fermato. Cavoli mi sembra di essere dentro ad un vortice in cui fatico a prendere aria. Gira gira gira e mi tira sempre più in basso. Tante cose da fare, gli imprevisti in corso d’opera che scombinano i piani, un po’ di stanchezza che non mi molla… cambieranno le cose ne sono certo.

Comunque nonostante questa situazione compressa sto bene, proseguo il mio cammino e mantengo la mia direzione. Osservo quel che mi succede attorno, faccio le mie riflessioni e mi comporto di conseguenza. Ogni tanto mi tornano in mente alcune cose ma la vita è composta anche di ricordi che possono essere belli o brutti. In ogni caso hanno arricchito la nostra vita e ci hanno reso quello che siamo.

Rifletto su un po’ di cose che sto vivendo personalmente e di quanto alcune persone siano totalmente inadeguate a ricoprire alcuni incarichi e ruoli. Quanto amino le etichette, i titoli e fregiarsi di incarichi o cariche che, alla fin fine, non hanno alcun valore se poi tanto le persone non li considerano. È pazzesco come ci sia gente che ancora creda che l’importanza dipenda dal titolo che hanno e non dalla loro essenza. Nella mia vita non ho mai creduto alle etichette e ho sempre combattuto chi voleva imporsi perchè aveva un cazzo di titolo ma nessuna leadeship e/o competenza. Ancora oggi trovo che ce ne siano parecchie di persone così. Vivono malissimo perchè sono sicuro che in cuor loro sanno che non valgono poi granchè e se non avessero quel titolo o carica sarebbero dei perfetti sconosciuti al mondo.

La leadership è quella cosa che non ha niente a che fare con il comando ma nasce con l’emulazione. Facciamolo! Questa è leadership e non Fai!… Ma è complicato farlo capire. In più sono sempre più convinto che di persone competenti ce ne siano sempre meno e che per loro sia molto più facile dire come si deve fare che far vedere come si fa! Ma è una storia lunga.

Ho ripreso ad approfondire lo Human Factor e devo dire che siamo davvero un anello debole noi esseri umani. Ma forse è anche il bello della nostra essenza. Essere perfettamente imperfetti… essere l’essenza dell’errore… è un buon alibi per molti detta così. Però mi affascina studiare queste cose, le dinamiche umane. La cosa che mi intristisce è che mi rendo sempre più conto di essere circondato da gente problematica, persone che non sanno gestire il fatto che nella vita si sbaglia quotidianamente. Che costantemente devono addossare la responsabilità ad altro o altri senza essere capaci di ammettere che quando si vive gli errori si commettono. Basterebbe imparare a chiedere scusa, analizzare le cose assieme e poi riprendere a camminare senza scenate assurde, battaglie, accuse. Ho sbagliato? Mi scuso e cerco di capire come non farlo più e sprattutto chiedo aiuto quando non riesco a fare o non so fare qualcosa. Ma viviamo con l’ansia di fare brutta figura perchè, purtroppo, noi stessi siamo quelli che quotidianamente giudichiamo il prossimo da piccole cazzate e quindi pensiamo che tutti facciano così.

Troppo serio e filosofico stasera, vado a farmi un caffè e mi rimetto all’opera. Ciao Amici statemi bene… Sempre Positivi!!!

Annunci