15 ottobre ’19

Non sono soddisfatto di me. “I did it again!” Eccheccazzo possibile che sia così fragile? Ci sono ricascato e questo mi fa incazzare come una bestia. Quindi che fare? Beh tagliamo sto cordone di netto in più e più parti in modo che non sia più ricucibile. Sono stanco davvero di questo modo altalenante di vivere. Dove non posso mai riposarmi perchè succede qualcosa che mi fa fare 100 passi indietro. Sono davvero sfinito, logorato e prosciugato delle poche energie che ero riuscito a recuperare nell’ultimo periodo.

La sensazione che ho è quella di essere costantemente sbagliato. Di essere fuori luogo e fuori tempo. Di non meritare nulla. Di essere di troppo e di non valere la pena di rischiare. Ci penso e ci ripenso e sinceramente non capisco se sia io a sbagliare o se le persone non abbiano mai davvero voglia di rischiare con me. Molto probabilmente non sono le persone giuste perchè penso che quella giusta lo farebbe senza condizioni, retropensieri o la necessità di chiedere a me cosa deve o non deve fare. Vorrei essere una scelta libera. Vorrei sentire di valerne la pena, vorrei vorrei vorrei…. poi tanto quello che resta col cerino in mano sono sempre e solo io.

Mi sono rotto il cazzo di vivere sospeso, come in attesa di qualcosa per me, di un premio. Come quei cagnolini che fanno quel che chiede il padrone per avere il premietto di ritorno. Mi sono davvero stancato perchè così si ammazzano i sentimenti, muoiono le emozioni e si spegne la fiducia nell’amore.

Ho provato a crederci, a ributtarmici, a rispettarlo, a capirlo, ad essere convinto che esiste… ma sono ancora qui, con quel cazzo di cerino in mano che ormai si è consumato bruciandomi le dita e facendomi capire che sbaglio. Sbaglio ad aspettare qualcosa che dovrebbe arrivare subito, sbaglio a insistere a mettere un cuore in un petto troppo piccolo, sbaglio ad accettare situazioni che non portano a nulla e dove sono spettatore sospeso di qualcosa che chissà se prenderà mai forma. Sbaglio io perchè in realtà le persone con me sono fin troppo chiare alcune a parole altre con il silenzio. E allora che fare? Beh voltiamo pagina e tagliamo. Sono io il treno non ne aspetto uno. Chi vuole salire deve conquistarsi il posto e sarà un posto di prima classe, gli altri non troveranno le porte aperte perchè non mi fermerò alla loro stazione e altri ancora scenderanno perchè trovati senza biglietto.

Ho deciso così! Non è facile ma me lo devo, forse poi un giorno tutto si sistemerà.

Buona giornata amici. E buon autunno!